Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa sulla privacy. Proseguendo la navigazione o cliccando su "Chiudi" acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi
vai al contenuto vai al menu principale vai alla sezione Accessibilità vai alla mappa del sito
Login  Docente | Studente | Personale | Italiano  English
 
Home page Home page

LABORATORIO DI PROGETTO 4

Corso Architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2022/2023

Modulo: PROGETTAZIONE DEL PAESAGGIO

Corso Architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2022/2023
Crediti 4
Settore Scientifico Disciplinare ICAR/15
Anno Quarto anno
Unità temporale
Ore aula 40
Attività formativa Attività formative affini ed integrative

Canale unico

Docente VALERIO ALBERTO MORABITO
Obiettivi z
Programma Il tema d’anno si riferisce esplicitamente all’integrazione tra un’eredità storica dell’architettura del paesaggio e la sua componente più contemporanea legata all’arte, all’ecologia e alla resilienza dei paesaggi urbani.
La città è un organismo vivente e il suo paesaggio è l’emblema della sua capacità di modificarsi stagionalmente e nei cicli lunghi dell’ecologia.
Il design dell’architettura del paesaggio diventa dunque una necessità contemporanea per potere interagire con i cambiamenti climatici sempre più evidenti. Il design è inteso come una pratica per costruire processi ecologici all’interno della città e ai suoi bordi, per ricostruire idee di periferie sempre più resilienti non solo da un punto di vista ecologico ma anche e soprattutto sociale.
Questo corso si inserisce in una conversazione sempre più importante tra varie discipline che attendono alla città e che ne costituiscono la memoria e lo sviluppo. L’urbanistica la progettazione architettonica, il disegno e la rappresentazione delle idee sono attori che trovano nel design dell’architettura del paesaggio urbano una sintesi di intenti e di prospettive.
Il corso dunque affronterà tutti i temi legati alla struttura della città, approfondendo gli aspetti dello spazio pubblico e dei suoi parchi, della sua comprensione e sviluppo sociale, e della costruzione delle relazioni tra design, ecologica, resilienza e ambiente.
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding); si chiederà agli studenti di disegnare e rappresentare a mano libera con schizzi intuitivi i vari progetti presentati durante il corso.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate (applying knowledge and understanding); dagli schizzi e le rappresentazioni si chiederà agli studenti di costruire una loro personale interpretazione del design, dell’ecologia e resilienza nel paesaggio urbano delle città.
Autonomia di giudizio (making judgements); agli studenti si darà autonomia di scelta per creare un design che sia a loro consono e comprensibile in modo da costruire un loro percorso teorico e pratico.
Abilità comunicative (communication skills); si chiederà discutere dei temi presentati in modo che ogni studente possa comprendere al meglio cosa significa presentare le loro idee.
Capacità di apprendere (learning skills); gli studenti saranno continuamente sottoposti a riscontri pratici sulla loro comprensione, chiedendo loro di commentare non solo i loro progetti ma anche i progetti dei loro colleghi.

Testi docente Morabito, V. (2019). Verbal Drawings: mapping landscape ides. In LAF - Landscape Architecture Frontier, n. 41, Observation and representation.
Corner, J. (1996). Taking measures across the American landscape. New Haven, Connecticut: Yale University Press.
Corner James, Hirsch Alison Bick (2014). The Landscape Imagination. New York: Princeton Architectural Press.
Morabito V, (2020). Reading Places and Writing Design. In 42th International Conference of Representation Disciplines Teachers Congress of Unione Italiana per il Disegno. FrancoAngeli s.r.l. Milano, Italy
McHarg I. 1969, Design with Nature, John Wiley & Sons, New York.
Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria No
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere No
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento

Elenco dei rievimenti:

Descrizione Avviso
Ricevimenti di: Valerio Alberto Morabito
Giorno di ricevimento lunedì; ore 15:00 presso APS Prima Torre quinto Piano
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online non pubblicato

Modulo: PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA 2

Corso Architettura
Curriculum Curriculum unico
Orientamento Orientamento unico
Anno Accademico 2022/2023
Crediti 8
Settore Scientifico Disciplinare ICAR/14
Anno Quarto anno
Unità temporale
Ore aula 80
Attività formativa Attività formative caratterizzanti

Canale unico

Docente ROSA MARINA TORNATORA
Obiettivi N.D.
Programma Il corso affronta il tema dei “Territori Fragili” proponendo un diverso approccio progettuale che consenta di sperimentare nuove forme dell’abitare e stimolare gli studenti sulla necessità nella condizione contemporanea di dar forma a nuovi paesaggi nei quali le aree marginali e periferiche possono essere concepite come luoghi concreti di una nuova energia creativa, e sottoposti a processi di trasformazione e rigenerazione.

L’area d’interesse della sperimentazione progettuale si concentrerà sulla Città Metropolitana di Reggio Calabria, dove, come altre realtà, il degrado del patrimonio di edilizia residenziale pubblica della seconda metà del Novecento, impone una riflessione sui modi dell’abitare contemporaneo.
Dopo una trattazione di alcuni interventi cardine della tradizione italiana del progetto urbano si passerà allo studio di progetti di rigenerazione in ambito europeo.
La sperimentazione finale sarà sviluppata su alcuni quartieri periferici della città di Reggio Calabria, a partire dalla rilettura di alcune teorie moderne e contemporanee sulla città, declinata sul paradigma della “città terrestre”, come unità formale di città-campagna, città-natura. Quest'ultima è assunta come possibile prospettiva di ricerca sulla città contemporanea nella quale il progetto, inteso come contaminazione tra edificato e campagna, potrebbe orientare uno sguardo aperto sulla periferia o città diffusa, dando forma a nuovi paesaggi, rifondando un nuovo concetto di “urbanità” (Berque, 1997 e Council of Europe, 2009). Soluzioni progettuali differenziate possono trovare in questo nuovo ‘tessuto’ diverse soglie, secondo sequenze dense che vanno dagli strati più vicini al costruito sino a quelli più estesi.
Tale ripensamento del rapporto tra città e campagna potrebbe affondare le proprie radici nella “Città in estensione”(1976) di Giuseppe Samonà e nelle teorizzazioni moderne di “Broadacre city” (1932) di Frank Lloyd Wright, della “CitéRadieuse” (1931) e dei “troisEstablissementshumains” (1944) di Le Corbusier.
In questa prospettiva, lo sguardo alla contaminazione tra realtà abitative ai margini della città e spazio agricolo è l’occasione di sperimentare nuovi modelli abitativi e rispondere a una rinnovata domanda sull’abitare e a un diverso bisogno di condivisione e di cura, che non può fare a meno di considerare le trasformazioni sociali in corso, ad esempio della famiglia, in tutte le sue versioni non-tradizionali (Borasi, 2021) ma anche l’urgenza della questione ambientale e le possibili conseguenze dell’attuale scenario pandemico. Si potrebbe anche riflettere sull’idea di un’abitazione come spazio di cura della natura, di un’abitazione che si fa natura e luogo d’incontro multi-specifico (Coccia, 2021).

Il corso è articolato in 2moduli: il primo, di apprendimento teorico, sarà organizzato con lezioni ex-cathedra, esercitazione di gruppo; il secondo di carattere teorico-progettuale prevede seminari, attività di laboratorio in aula, indagini su campo e workshop.

Assignment 1_PRECEDENT (in gruppi da 4/5):
La prima esercitazione è finalizzata a far acquisire agli studenti la capacità di leggere il rapporto tra disegno/progetto/architettura attraverso l’analisi e l’interpretazione di caso studio assegnato dalla docenza. Gli elaborati richiesti in questa fase sono disegni interpretativi che mettono in evidenza le articolazioni compositive e costruttive.

Elaborati richiesti: ridisegno e lettura interpretativa attraverso piante, sezioni e prospetti diagrammatici + 1 modello tridimensionale; ricognizione bibliografica; 1 presentazione ppt

Nelle lezioni frontali saranno trattati i seguenti temi:
• Città, periferia e trasformazione: temi, sperimentazioni progettuali politiche
• Riflessione teorica e pratica sulla transcalarità, dall’oggetto architettonico, alla città, al paesaggio
• Il paesaggio nel progetto di rigenerazione
• Elementi per l’interpretazione e rappresentazione dei territori urbani periferici contemporanei: letture interpretative
• Il paradigma della città terrestre.

Assignment2_ FINAL PROJECT (in gruppi da 2):
Il lavoro del secondo modulo è finalizzato a un'acquisizione metodologico e progettuale delle relazioni tra architettura e suolo, architettura e luogo, forma/struttura.
Il modulo si concentrerà su alcune aree proposte dalla docenza sulle quali sviluppare una strategia urbana e architettonica di rigenerazione affrontando le seguenti questioni:
• Studio e analisi del contesto urbano e paesaggistico dell’area scelta per la sperimentazione progettuale.
• Sviluppo progettuale del tema dalla scala urbana a quella dell’oggetto architettonico
• Sviluppo progettuale dei concetti di tipologia, organismo architettonico, morfologia urbana
• Sviluppo progettuale del rapporto tra forma, sostenibilità, risparmio energetico.

Elaborati richiesti: 1 book cartaceo con piante, sezioni, prospetti, modello tridimensionale della proposta progettuale.

Risultati attesi (acquisizione di conoscenze da parte dello studente)
I risultati attesi, in termini di acquisizione di conoscenze da parte dello studente, sono relativi a:
• principali fondamenti teorici della progettazione territoriale e urbana
• metodologie per la lettura, interpretazione e riconfigurazione progettuale dei fenomeni territoriali e urbani e modalità di rappresentazione degli stessi
I risultati dell’apprendimento devono essere espressi, nel rispetto dei descrittori di Dublino, non solo in termini di conoscenze attese, ma anche in termini di competenze acquisite (valutazione critica; comunicazione; capacità linguistiche; progettazione; etc.) e di abilità/capacità raggiunte (di soluzione di problemi; di apprendere); nonché essere poi correlati agli specifici contenuti relativi agli obiettivi del Laboratorio.

Testi docente Berque, A. (1997), “Destoits, des étoiles”, Les Annales de la rechercheurbaine, n. 74, pp. 5-11.

Borasi, G. (2021), “Cuddling Rooms, Body Banks, and CollabHouses”, Canadian Centre for Architecture web issue.

Coccia, E. (2021), Filosofia della casa: lo spazio domestico e la felicità, Einaudi, Torino.

Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di sicurezza e sullo stato di degrado delle città e delle loro periferie (2017), Relazione sull’attività svolta dalla commissione, Camera dei deputati, Roma.

Council of Europe (2009), European urban charter: Manifesto for a new urbanity, Council of Europe Publishing, Strasbourg.

De Solá-Morales, M. (1995), “Territori privi di modello”, in catalogo della mostra Il centro altrove. Periferie e nuove centralità nelle aree metropolitane, Triennale di Milano, Electa.

Donadieu, P. (2005),“Dall’utopia alla realtà delle campagne urbane”, in Urbanistica, n. 128,

Gregory, P. (2021), Periferia, Enciclopedia Italiana Treccani, X Appendice.

Koolhaas, R. (2020), Countryside, A Report, Taschen, Cologne.

Monestiroli, A. (1995), Il centro altrove. Periferie e nuove centralità nelle aree metropolitane, catalogo omonima mostra, Triennale di Milano, Electa.

Musolino, G. (2000), Catona.1 Storia civile, Falzea, Milano.

Petrillo, A. (2018), La periferia nuova. Disuguaglianza, spazi, città, FrancoAngeli, Milano.

Petrillo, A. (2013), Peripherein: pensare diversamente la periferia, FrancoAngeli, Milano.

Samonà, G. (1976),La città in estensione, Stass, Palermo.

Secchi, B. (2000), Un progetto per l’urbanistica, Piccola Biblioteca Einaudi, Torino.

Todaro, B. and De Matteis, F. (Eds.), (2012), Il secondo progetto. Interventi sull’abitare pubblico, Prospettive Edizioni, Roma.

Tornatora, M. (2012), Conformità urbana, in O. Amaro (Ed.), Franco Purini. Sette Tipi Di Semplicità, Libria, Melfi.

Tornatora, M. and Schepis, F. (Eds.), (2013), Rigenerare. Strumenti e strategie di progetto per un abitare sostenibile, Libria, Melfi.

Tornatora, M. (2015), Il corridoio verde: una grande infrastruttura per la Città Metropolitana, in O. Amaro and M. Tornatora (Eds.), Landscape in Progress: idee e progetti per la Città Metropolitana di Reggio Calabria, Gangemi, Roma.


Erogazione tradizionale
Erogazione a distanza No
Frequenza obbligatoria
Valutazione prova scritta No
Valutazione prova orale
Valutazione test attitudinale No
Valutazione progetto
Valutazione tirocinio No
Valutazione in itinere
Prova pratica No

Ulteriori informazioni

Nessun materiale didattico inserito per questo insegnamento
Nessun avviso pubblicato
Nessuna lezione pubblicata
Codice insegnamento online non pubblicato

Cerca nel sito

 

Posta Elettronica Certificata

Direzione

Tel +39 0965.1697501

Fax +39 0965.1697550

Indirizzo e-mail


Biblioteca

Tel +39 0965.1697181/2

Tel +39 0965.1696182/3

Indirizzo e-mail

Ufficio didattica

Tel +39 0965.1697187/232

Fax +39 0965.1697550

Indirizzo e-mail


Ufficio Ricerca

Tel +39 0965.1697530

Fax +39 0965.1697550

Indirizzo e-mail

Segreteria amministrativa

Tel +39 0965.1697510

Fax +39 0965.1697550

Indirizzo e-mail


Orientamento

Indirizzo e-mail

Laboratorio Multimediale

Indirizzo e-mail

Social

Facebook

Twitter

YouTube

Instagram